Menu

Seguici sui nostri canali social

Facebook Twitter Google+ Instagram
Luna crescente

venerdì, 24 novembre 2017

Pallet, icona del minimalismo industriale

In foto un pallet da cui spuntano simpatiche piantine. Che aspettate a farlo?
Nella foto: In foto un pallet da cui spuntano simpatiche piantine. Che aspettate a farlo?

Il pallet, semplice incrocio di assi di legno di pioppo o di abete, è stato eletto dal design e dall’autoproduzione icona del minimalismo industriale in un recupero giocoso e funzionale del fai da te. Sotto forma di cucine, librerie, divani e letti è entrato nelle case e nei negozi diventando oggetto d’uso quotidiano, economico e flessibile modulo di design.

Nascendo per movimentare le merci è trattato per resistere agli agenti atmosferici, ha l’aspetto industriale ed grezzo; perciò è perfetto per creare arredi esterni. Festeggiamo la primavera e la rinascita vegetale con due progetti di riuso: come può un bancale diventare orto pallet e panca per terrazzi o balconi?

L’orto pallet nasce da: un pallet di dimensioni 80x120x13 cm, 6 blocchetti distanziatori, 3 assi di recupero 120x7 cm, 4 di 84x13-15 cm e 4 di 124x13-15 cm, 25 viti, un cacciavite o avvitatore e una sega a mano.Per creare un orto si capovolge il bancale e si avvitano le tre assi di recupero in corrispondenza dei blocchetti; a queste tavole si avvitano le altre tre tavole dopo averle unite ai sei blocchetti distanziatori.



Si chiudono le fiancate con le assi, avvitandole ai blocchetti e al pallet.
Avendo creato una scatola con bucature, è ora possibile riempirla di terriccio e semi o inserire le piantine.

L’orto pallet si configura come giardino mobile da terrazzo o balcone. In alternativa si può utilizzare un solo pallet, ben levigato con la carta vetrata. 
Si spilla un tessuto (o della plastica da giardinaggio) sul retro del pallet con la pistola per graffette e sui due fianchi per poi rivestirlo, se si vuole, con una tela di juta.
Si realizzerà così una sacca all’interno del bancale per contenere il terriccio, che sarà pressato e lisciato.

La parete vegetale dovrà rimanere almeno un paio di settimane in orizzontale, in modo che il terreno si compatti e le radici attecchiscano; in seguito posizionarlo in verticale appoggiato ad un muro o ad una recinzione.
Le piantine sbucheranno dai tagli; per ottenere un effetto uniforme inserire all’incirca sei piante per fessura. Nella parte superiore si consiglia: verbena, lavanda, malva e calendula, zucca e zucchine. Sotto, invece: pomodori ricadenti, cicorini, lattughini, erbe aromatiche (timo, santoreggia, prezzemolo …), piselli e fragole. 
Per la concimazione utilizzare un macerato di ortiche e di equiseto; innaffiare le piante dall’alto e con uno spruzzatore, posizionando un lungo sottovaso al disotto per il gocciolamento dell’orto pallet.

Junio Tumbarello

Direttore responsabile

La chiave della felicità risiede in un giardino. Con Vivaitaliani sto cercando di conciliare la mia esperienza nel campo della Rete e dei contenuti con la mia passione per la Terra. "Un uomo, d'altronde, ha bisogno di aria, di mare, di vento e di sole" mi ha detto un tizio conosciuto sul Cammino di Santiago che prima lavorava triste tra le quattro mura di un ufficio e ora è il guardia-parco più felice di Spagna. Mi piacerebbe seguire il suo esempio, d'altronde sono un giornalista professionista che ha sempre voluto fare il giardiniere. Ogni giorno mi dedico al mio orto biologico, ad un piccolo pollaio, ai miei due fedeli labrador, Puck e Othello, e a cinque fantagatti nella regal contea di Fantabosco.

Sito web: about.me/miocarobru

Attenzione! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie per alcune delle sue funzionalità
Controlla i nostri Termini di utilizzo e privacy per maggiori informazioni.