Menu

Seguici sui nostri canali social

Facebook Twitter Google+ Instagram
Luna nuova

mercoledì, 26 aprile 2017

Natura e bellezza del Cammino di Santiago Una fiaba millenaria dello Spirito

Sull'Alto del Perdon, Cammino Francese 2012
Nella foto: Sull'Alto del Perdon, Cammino Francese 2012 Crediti: Junio Tumbarello

Lo scrittore francese Francois Mauriac definì il pellegrinaggio a Santiago una “fiaba millenaria dello spirito” e di fatto da oltre dieci secoli migliaia di persone sono ogni anno in Cammino. Uomini di tutti i Paesi, di tutte le età, di ogni cultura, di tutte le religioni e di nessuna, percorrono il lungo cammino che conduce a Santiago di Compostela: un popolo fatto di piedi in cammino, un mondo fatto di luoghi incantati, di storie e leggende, credenze e preghiere.

Nel video: Il trailer di uno splendido documentario sul Cammino Crediti: TheCaminoDocumentary

Chi intraprende questo viaggio chiede qualcosa al Cammino: evadere, dimenticare, ritrovare, conoscere, ricominciare a vivere. Un desiderio di un cambiamento interiore, alla ricerca di se stessi; è un atto di devozione, una scelta pensata, consapevole, fortemente voluta. Il Cammino, alla fine, coinvolge tutto il proprio essere nello sforzo quotidiano dell’avanzare (subida, subida e subida), negli incontri, nella bellezza dell’arte e dei paesaggi, negli infiniti chilometri di solitudine e non. È il fascino di Santiago: per un istante o per i lunghi giorni che dura l’andare, si è solo pellegrini. Qui non vi darò alcuna dritta di ordine tecnico o logistico, esistono siti altamente specializzati, forum dedicati e tante belle e utili pubblicazioni che saranno step inevitabili di chi deciderà di intraprendere la via verso il Campus Stellae. Questo è solo il primo di uno spunto di riflessione e "istigazione" al Cammino di Santiago. Vi assicuro ne verrano altri.

“…che peregrini si possono intendere in due modi, in uno largo e in uno stretto; il largo, in quanto è peregrino chiunque è fuori de la sua patria, in modo stretto non s’intende peregrino se non chi va verso la casa di San Jacopo o riede. E però è da sapere che in tre modi si chiamano propriamente le genti che vanno al servigio de l’Altissimo; chiamasi Palmieri in quanto vanno oltremare, là dove molte volte recano la palma; chiamasi Peregrini in quanto vanno alla casa di Galizia, però che la sepoltura di san Jacopo fue più lontana de la sua patria che d’alcuno altro apostolo; chiamasi Romei in quanto vanno a Roma….” (Dante, Vita Nuova, XL)

Cammino di SantiagoUN CAMMINO DI NATURA Camminando, quando guardi la bella natura che ti circonda, con la sua flora e la sua fauna e la sua forza ti senti piccolo, ma al contempo ti senti parte del tutto. Il cammino è anche questo. In quello francese si attraversano quattro regioni spagnole: Navarra, Rioja, Castiglia e Leon e infine la Galizia, ognuna con i propri fiori, con territori diversi per paesaggio e flora. Ma per tutto il percorso la Natura è indubbiamente protagonista. La spagna è collegata all'Europa dalla catena montuosa dei Pirenei: 440 km con un'altitudine che sfiora i 2000 mt che segna il confine con la Francia. All'interno esistono più di 400 spazi naturali protetti che preservano i principali ecosistemi peninsulari ed insulari. Le aree protette e gli spazi naturali sono pieni di splendide foreste abitate da una fauna selvaggia (orsi, lupi, urogalli, capre) ed una importantissima flora autoctona. Senza dimentica le Mesetas, che attraverserete se decidete di mettervi in Cammino. La Meseta Centrale è il maggior altopiano europeo; è una regione essenzialmente agricola con erbe e arbusti e grandi coltivazioni di cereali, vite e ulivo. Nella Meseta possono aversi sbalzi di temperature molto forti. Ed è anche un tratto importante del pellegrinaggio per la grande solitudine che si prova attraversandola, per la compagnia del vento, per il sole che picchia.

CHILOMETRI DI SOLITUDINE E NATURA Il Cammino di Santiago non é solo un viaggio. Anzi non lo é. É un'esperienza unica e ripetibile. Perché una volta fatto, non si puó non tornare (prefiggendosi di ritornare magari con amici del cuore, compagni di avventura, peregrini con cui si sono condivise parole e silenzi lunghi chilometri). Non esistono citazioni di filosofi o versi di poeti per definire le emozioni che suscita questo pellegrinaggio dentro e fuori di sé. Solo il racconto di chi lo ha percorso puó - lontanamente - evocare un "itinerario" così fuori dal comune. Durante il Cammino francese (che ho percorso nel 2012) ho conosciuto tanti "amici" nuovi e ho conosciuto meglio anche me. Oggi, dopo aver percorso anche la Via della Plata (che dall'Andalusia porta a Nord fino alla città di San Giacomo) insieme al mio grande amico Giuseppe, auguro alle persone a cui voglio più bene, di poter un giorno svegliarsi e decidere di intraprenderlo. È il Cammino che decide di essere camminato, è lui ad architettare tutto e volere i passi del prossimo pellegrino addosso. Non ci sono limitazioni di etá, peso, allenamento. Io ne sono un esempio vivente. Il Cammino è un'esperienza (ce ne saranno altri di viaggi così) che inizia prima, dentro. Poi a poco a poco prende piede, conquista sempre più tempo della giornata di colui che ha deciso di partire. Anche se mancano mesi.. la testa comincia a Camminare, a immaginare. Poi è la volta del corpo: nasce la voglia di movimento e allenamento per qualcosa che non è prevedibile e/o replicabile se non con il cuore. E così a distanza di giorni ci si ritrova a camminare o pedalare (come nel caso nostro) come se si è già sulla via di Compostela.

Il CAMMINO FRANCESE C'è un Cammino nel Nord della Spagna, dove da oltre mille anni, per una settimana, un mese, una manciata di tempo moltitudini di uomini e donne rinnovano un'antica tradizione. Non so se il più bello ma dei due è il più camminato. Quello storico. Quello che se decidete di farlo è sicuramente il primo da intraprendere. Dà sensazioni ed emozioni forti e intense. Lo percorrono ogni anni centinaia di migliaia di pellegrini a piedi, in bici e a cavallo provenienti da tutto il mondo. Il paesaggio è bello e vario (quello della Plata è più monotono, ma non per questo meno bello). I chilometri tra Roncisvalle e Santiago di Compostela  sono 780. Quasi 800 chilometri di emozioni, tramonti, albe, sapori, incontri, felicità e nostalgia dai Pirenei a Finisterre. Va con te, va per te! Per farlo a piedi ci vuole più o meno un mese, mentre in bici si consiglia  un minimo di dieci giorni. Si deve fare la peregrinazione con la sufficiente calma in modo di disporre del tempo per visitare i santuari e i punti chiave del percorso. Ecco le tappe classiche, ma -ricordate- ognuno ha il suo cammino:

RONCISVALLE – PUENTE LA REINA

65 Km.

PUENTE LA REINA – NÁJERA

99 Km.

NÁJERA – BURGOS

94 Km.

BURGOS – CARRIÓN DE LOS CONDES

84,5 Km.

CARRIÓN DE LOS CONDES – LEÓN

92,5 Km.

LEÓN – RABANAL DEL CAMINO

67 Km.

RABANAL DEL CAMINO – O CEBREIRO

83 Km.

O CEBREIRO – PORTOMARÍN

61,5 Km.

PORTOMARÍN – ARCA

73 Km.

ARCA – SANTIAGO DE COMPOSTELA

18,5 Km.

Sul Cammino in biciLA PLATA Dei cammini spagnoli alla volta di Santiago, la Via de la Plata è uno dei più lunghi. Risalendo la penisola iberica da Siviglia sino Astorga (circa 750 km.) per poi unirsi al Camino Francés e giungere a Santiago dopo altri 250 chilometri. Nata al tempo dell’occupazione romana, la Via de la Plata, attraversa alcune delle più belle città spagnole: Siviglia, la romana Mérida, la medievale Cáceres, la rinascimentale Salamanca, Zamora ed Astorga. A Granja de Moreruela 40 chilometri dopo Zamora e 95 prima di Astorga si stacca il cammino sanabrés che arriva a Santiago passando dai monti di Sanabria e da Orense, nel sud della Galizia. La Plata è più lunga del Frances, ma con un dislivello complessivo minore, (Frances, 17.000 metri di salita, Plata 13.000 metri) l’ambiente è più desolato e sperduto. In agosto i pellegrini sono pochi, considerate anche le altissime temperature che posso oscillare dai 44 fino alla temperatura record di 52 gradi percepiti nell'affascinante desolazione della Meseta: l'altopiano più antico della penisola iberica e quello che occupa la maggior parte della sua superficie.

La Spagna é veramente bella. Muy caliente e divertente, nonostante la crisi e il poco lavoro, c'é qualcosa nell'aria che non ha nulla a che vedere con il "nostro clima". Camminarla o pedalarla, praticamente per intero, in lungo sulla Plata (da Nord a Sud) o in largo (sullo splendido Cammino Francese) è un'esperienza unica. Significa conoscerla nei suoi angoli più nascosti, assaggiarla letteralmente. Alcuni partono senza una vera motivazione se non la curiosità o la ricerca di avventura a basso costo di cui hanno letto o sentito, per emulazione, moda. Ma poi lungo le strade e i sentieri del Cammino qualcosa cambia dentro. E al ritorno a casa il Cammino non li lascia più. Buen Camino!

Junio Tumbarello

Direttore responsabile

La chiave della felicità risiede in un giardino. Con Vivaitaliani sto cercando di conciliare la mia esperienza nel campo della Rete e dei contenuti con la mia passione per la Terra. "Un uomo, d'altronde, ha bisogno di aria, di mare, di vento e di sole" mi ha detto un tizio conosciuto sul Cammino di Santiago che prima lavorava triste tra le quattro mura di un ufficio e ora è il guardia-parco più felice di Spagna. Mi piacerebbe seguire il suo esempio, d'altronde sono un giornalista professionista che ha sempre voluto fare il giardiniere. Ogni giorno mi dedico al mio orto biologico, ad un piccolo pollaio, ai miei due fedeli labrador, Puck e Othello, e a cinque fantagatti nella regal contea di Fantabosco.

Sito web: about.me/miocarobru

Attenzione! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie per alcune delle sue funzionalità
Controlla i nostri Termini di utilizzo e privacy per maggiori informazioni.