Menu

Seguici sui nostri canali social

Facebook Twitter Google+ Instagram
Gibbosa crescente

sabato, 26 maggio 2018

Superortopiù, a Milano si coltiva sui tetti Il progetto presentato al Fuorisalone

Uno scorcio del tetto su cui è stato impiantato l'orto
Nella foto: Uno scorcio del tetto su cui è stato impiantato l'orto Crediti: Michela Randinelli

In un quartiere della città un tempo sede di grandi industrie, come la Ansaldo, oggi si cerca di costruire in modo diverso e di lasciare spazio al verde e all'agricoltura. Anche se l'orto e il prato si ricavano sul tetto di un palazzo. Succede a Milano, nel distretto del design di via Tortona, dove l'installazione 'SuperOrtoPiù' dimostra come un nuovo modo di progettare e costruire può portare l'agricoltura in città.

'SuperOrtoPiù' è un grande orto urbano pensile di 750 metri quadrati, progettato dall'artista Michelangelo Pistoletto, e realizzato sul tetto di uno dei palazzi di Superstudio Più. L'installazione, presentata in occasione degli eventi del Fuorisalone, rimarrà funzionante fino a giugno 2014 e in maniera permanete nel periodo di Expo 2015, che ha come tema proprio 'Nutrire il pianeta. Energia per la vita'. La terrazza per il momento ospita un prato e una parte di orto ma si evolverà nei prossimi mesi arrivando ad ospitare una piccola risaia. "Il design e l'architettura devono riportare gli orti nelle città - ha spiegato il curatore del progetto, Fortunato D'Amico - per ora questa nostra installazione può sembrare una provocazione ma credo sia anche una realtà, e un'esigenza, che cresce sempre più nelle città". La prova di questa voglia di verde e di agricoltura nelle città, secondo i curatori del progetto, sta proprio nell'esplosione del fenomeno degli orti urbani. "In città come Torino o Milano - ha detto D'Amico - sono nate tante realtà di cittadini che si occupano degli orti urbani. Tutto questo porta a pensare che c'è bisogno di una nuova politica di progettazione perchè cambierà il mondo di vivere, di mangiare e gli spazi cittadini dovranno essere adeguati".

Il design e l'architettura devono riportare gli orti nelle città

'SuperOrtoPiù' sarà anche la sede per dibattiti e incontri sui temi della alimentazione, del design e della sostenibilità inoltre scuole e cittadini saranno invitati a prendersi cura attivamente dell'orto. Inoltre il progetto collegherà idealmente due momenti in cui l'Italia sarà protagonista: Expo Milano 2015 e l'appuntamento del 2016 a Torino con 'IFLA World Congress di Architettura del Paesaggio'. Alla base del progetto di questo orto cittadino in quota non ci sono solo idee ma anche praticità e tecnologia, perché è un particolare sistema multistrato a garantire la salute di orto, prato e risaia. "Si tratta di un sistema per avere coperture di verde anche in luoghi come questo - ha spiegato Marco Castellazzi di Harpo Group che si occupa di sistemi verdi pensili - funziona con un supporto multistrato che impermeabile e con copertura anti radice che unisce strati di drenaggio, areazione e accumulo idrico". All'interno dell'installazione 'SuperOrtoPiù' c'è spazio anche per l'abitare sostenibile con il prototipo delle case in legno e paglia di 'Nova Civitas'. Nel corso della settimana del Fuorisalone i visitatori potranno vedere realizzata la casa 'work in progess', dai lavori iniziali fino alla struttura ultimata.

Fonte: Ansa

Redazione

Direttore responsabile: Junio Tumbarello
Webmaster: Giuseppe Scopelliti
Collaboratori: Paola Camerata, Giulia Capotondi, Dario La Rosa, Anna Lo Porto, Giulia Lambrosio.

Attenzione! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie per alcune delle sue funzionalità
Controlla i nostri Termini di utilizzo e privacy per maggiori informazioni.