Menu

Seguici sui nostri canali social

Facebook Twitter Google+ Instagram
Luna crescente

mercoledì, 22 novembre 2017

L'importanza di chiamarsi Innesto Consigli per giardinieri di primo pelo

L'innesto è una pratica per la moltiplicazione delle piante realizzata con la fusione di due individui differenti (bionti)
Nella foto: L'innesto è una pratica per la moltiplicazione delle piante realizzata con la fusione di due individui differenti (bionti) Crediti: vivaitaliani.it

Se avete un orto, probabilmente, avrete anche un albero. Immaginiamo in questo caso che sia un susino cresciuto chissà come, magari grazie ad un osso gettato lì dopo una merenda a base di frutta consumata qualche anno addietro. L'albero vi dice grazie con bellissimi fiori ma non con altrettanti frutti. Ed è qui che viene il bello.

Tipi di innestoPerché di fronte a voi avrete un essere selvaggio, pronto a lasciarsi modellare come la creta grezza di uno scultore. È questo il momento dell'innesto. Un rametto produttivo si inserirà nella corteccia del vostro albero madre (portainnesto) e, con un pizzico di fortuna, la linfa scorrerà sino a dare la giusta spinta ai germogli, dando così vita ad un nuovo e produttivo albero da frutto. La bellezza dell'innesto, oltre che nel gesto, sta nella possibilità di scegliere in che modo trasformare l'albero, potendolo immaginare carico di pesche, susine di ogni genere, piuttosto che mandorle (se parliamo del genere prunus).

Vi servirà un ramoscello di cinque millimetri circa per una ventina di centimetri di lunghezza. Un rametto che abbia almeno tre germogli in dormienza pronti ad esplodere. Sarà però importante prendere il ramo da un albero di cui abbiate certezza dell'abbondanza e della bontà dei frutti. A questo punto dovrete trasformarvi in un attento chirurgo che sappia valutare la salute della pianta ed il punto più utile ad effettuare l'innesto. In genere, su alberi con meno di cinque anni e con un tronco sotto i 5 cm di diametro conviene tagliare di netto il tronco. Viceversa potrete optare per un ramo di generose dimensioni. Munitevi di sega, un bel coltello da innesto, oltre a cordino e sacchetti di plastica e carta.

Tagliate il tronco o il ramo e successivamente assottigliate in vostro rametto in modo che la terminazione sia sottile. Sollevate la corteccia del portainnesto ed inserite il vostro rametto. Legate con il cordino e poi coprite con sacchetto di carta e poi plastica. Non resterà che attendere l'arrivo della primavera. A quel punto potrete togliere i sacchetti protettivi e sperare che la nuova vita abbia inizio. Altrimenti non disperate. Ritenterete l'anno prossimo.

N.b. - L'arte degli innesti è complessa e variegata. Ancora oggi ci sono professionisti che spesso non riescono ad innestare alberi nonostante tecniche sopraffine ed esperienza. Tanti sono infatti gli elementi che possono far volgere il tutto negativamente (temperatura, gelate, salute della pianta). Prendete quindi confidenza con il vostro albero, provate a capirne i periodi di vigore e cimentatevi su rami secondari prima ti tentare un innesto importante.

Dario La Rosa

Giornalista e Ortista

Giornalista, scrittore, musicista, regista, studente, subacqueo, viaggiatore, culturista, musicista, amante, lettore, pittore, fotografo, meccanico, cuoco, bevitore e grande mangiatore, camminatore, scopritore, arrampicatore, sciatore e tanto altro ancora che finisce in ore… è nato nel 1980. Vive e ama Palermo, lavora sodo e si diverte come può.
È direttore responsabile di Siciliaweekend, un giornale online che racconta l'Isola con l'intento di svelarne segreti e angoli da far scoprire in un week.

Sito web: www.siciliaweekend.info

Attenzione! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie per alcune delle sue funzionalità
Controlla i nostri Termini di utilizzo e privacy per maggiori informazioni.