Menu

Seguici sui nostri canali social

Facebook Twitter Google+ Instagram
Luna crescente

domenica, 22 ottobre 2017

Dario La Rosa

Dario La Rosa

Giornalista e Ortista

Giornalista, scrittore, musicista, regista, studente, subacqueo, viaggiatore, culturista, musicista, amante, lettore, pittore, fotografo, meccanico, cuoco, bevitore e grande mangiatore, camminatore, scopritore, arrampicatore, sciatore e tanto altro ancora che finisce in ore… è nato nel 1980. Vive e ama Palermo, lavora sodo e si diverte come può.
È direttore responsabile di Siciliaweekend, un giornale online che racconta l'Isola con l'intento di svelarne segreti e angoli da far scoprire in un week.

URL del sito web: http://www.siciliaweekend.info

Patate? Da raccogliere con... spirito

Non sappiamo se le avete piantate, ma se lo avete fatto è arrivato il vostro momento. Per l'orticoltore è uno degli eventi più emozionanti che si affrontano durante il corso dell'anno. E questo perché è come veder nascere una pianta in tempo reale ed allo stesso tempo vederla fruttificare. Una gioia per lo spirito ed il palato: è la raccolta delle patate.

Spunta la fava nell'orto!

Pizzicare per creare un'armonia. Rompere per far bene. Nessun doppio senso, è solo quello che ci apprestiamo a fare fra le righe – pardon le file – del nostro orto virtuale. Il gesto è semplice e sarà compiuto con appena due dita. Alla fine nulla andrà perduto.
Siamo di fronte ad una delle piante orticole più belle e rigogliose che l'inverno possa offrire: le fave. Che le abbiate già piantate ed i fiori abbiano già fatto capolino o che vi stiate apprestando a farlo, anche se in leggero ritardo, poco importa: ad un certo punto alla pianta occorrerà tagliare la testa (in gergo si dice che deve essere spuntata).

Il fine è presto detto, la fava ha la tendenza a crescere in altezza, con il rischio che il vento possa farle spezzare. In più, una pianta eccessivamente alta, produrrà fiori soltanto all'apice. La spuntatura servirà invece a far crescere una pianta più robusta e resistente e consentire ai raggi solari di arrivare sino in basso. La pianta risponderà con gran gioia al vostro gesto.

Voi, nel lasso di tempo che vi separa dalla raccolta del frutto, godrete di un'anteprima del gusto. Una degustazione che farà accrescere il desiderio di mangiarle crude o cotte con del gustoso finocchietto selvatico.
Le punte di fava sono infatti un ottimo ingrediente per una fresca e genuina frittata, ma anche per una semplice pasta cui aggiungere cacio e pepe. Ogni cosa torna e nulla si butta. La pianta sarà felice, così come il vostro palato. Come in un orto delle meraviglie.

L'importanza di chiamarsi Innesto

Se avete un orto, probabilmente, avrete anche un albero. Immaginiamo in questo caso che sia un susino cresciuto chissà come, magari grazie ad un osso gettato lì dopo una merenda a base di frutta consumata qualche anno addietro. L'albero vi dice grazie con bellissimi fiori ma non con altrettanti frutti. Ed è qui che viene il bello.

Sottoscrivi questo feed RSS

Attenzione! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie per alcune delle sue funzionalità
Controlla i nostri Termini di utilizzo e privacy per maggiori informazioni.