Menu

Seguici sui nostri canali social

Facebook Twitter Google+ Instagram
Luna nuova

venerdì, 22 settembre 2017

I Giardini La Mortella a Ischia, un meraviglioso giardino d'inverno Visitabile anche durante la stagione fredda, vi incanterà con le sue fioriture

Gli splendidi giardini di Sir William Walton al centro del Mediterraneo
Nella foto: Gli splendidi giardini di Sir William Walton al centro del Mediterraneo Crediti: Giardini La Mortella

Anche quest’anno sarà possibile visitare i Giardini La Mortella ad Ischia nella loro incantevole versione invernale. I fortunati visitatori della stagione fredda potranno esplorare gli aspetti più insoliti del giardino, con piante fino ad oggi rimaste ignote al pubblico che giunge alla Mortella solo in primavera ed in estate.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, durante la stagione fredda La Mortella non va in stasi e non si spoglia: anzi è verdissima e rigogliosa e grazie al clima mediterraneo dell’isola d’Ischia – è piena di fiori esotici e di allegri frutti colorati. Si potrà ammirare in questa fase dell’anno la suntuosa fioritura delle camelie, a partire dalle eleganti Camellia sasanqua, seguite dalle williamsi, le japonica, le reticulata; si sosterà sotto la smagliante fioritura della Bauhinia blakeana, l'albero “delle orchidee” di Hong Kong, aspirando il profumo degli agrumi maturi che si mescola con le fragranze delle più rare e delicate acacie australi. Poi le magnolie orientali che dipingono nel giardino a valle immagini fiabesche. La pergola della tea house sarà punteggiata da migliaia di grandi fiori a tromba della Solandra, detta “Copa de oro”, un mare dorato sullo sfondo verdissimo delle foglie lucide. Oppure come non ammirare il tempietto votivo che segna l'ingresso al giardino orientale, immerso e sognante tra aceri giapponesi e hedychium (zenzero ornamentale) nella loro veste autunnale".

A differenza delle visite durante il tradizionale periodo di apertura, in inverno il pubblico - ricevuto su appuntamento - verrà accompagnato da competenti guide naturalistiche che sveleranno la meravigliosa storia dei giardini e la storia d’amore che essi custodiscono: quella tra il compositore inglese Sir William Walton e l’affascinante e indimenticabile moglie argentina Lady Susana.

La salita al giardino superiore, che permette di scoprire panorami sempre più spettacolari sul mare e la baia di Forio che fa capolino all’orizzonte, sarà accompagnata dai fiori blu dei rosmarini che sottolineano, con cascate di rami profumati, le scalette ed i muretti a secco, e culminerà con le entusiasmanti fioriture della collezione di Aloe, che in inverno si illuminano di rosso, di giallo, di arancione. La macchia mediterranea, in pieno rigoglio grazie alla piogge autunnali ed alla stagione fresca, colorata dalle bacche di corbezzolo e di mirto, farà da sfondo alle stravaganti corolle delle piante australiane, come le Mimose, le Grevillee, le Banksie. Gli aceri giapponesi infine offriranno una fiammata di colore autunnale nel giardino orientale che circonda la casa Tai prima di perdere le foglie e lasciare il posto d'onore alle grafiche sagome dei bambù.

Una visita quella ai Giardini La Mortella che lascerà il segno, alla scoperta di un paesaggio d’inverno carico di suggestioni inaspettate e poetiche.

In allegato due immagini della versione invernale del giardino.

Le visite avverranno su appuntamento: per informazioni e prenotazioni 081-990118 oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'apertura tradizionale dei Giardini La Mortella riprenderà regolarmente a partire dal 28 Marzo 2015.

Sara Capotondi

Fotografa

Sono nata a Chieti e oggi girovago per l'Italia senza fissa dimora inseguendo gli aromi più intensi e i frutti più dimenticati.

Appassionata di comunicazione online e di bonsai, ho frequentato un master in Food communication a Barcellona e oggi la passione per la cucina e la fotografia sono le mie ragioni di vita.

Scrivo dovunque anche sui tovaglioli di carta. Ho un debole per il vino biodinamico, le bacche di Goji e l'anice stellato (che coltivo con successo nella mia piccola casa nel bosco).

Attenzione! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie per alcune delle sue funzionalità
Controlla i nostri Termini di utilizzo e privacy per maggiori informazioni.