Menu

Seguici sui nostri canali social

Facebook Twitter Google+ Instagram
Gibbosa crescente

sabato, 26 maggio 2018

  • Scritto da  Junio Tumbarello
  • Letto 13303 volte
  • Stampa
  • Email

La Prugna del Natal, Gelsomino africano per gli amici I bellissimi fiori della Carissa Macrocarpa

La Carissa Macrocarpa è una pianta subtropicale molto bella con grandi fiori profumati e foglie lucide
Nella foto: La Carissa Macrocarpa è una pianta subtropicale molto bella con grandi fiori profumati e foglie lucide Crediti: Junio Tumbarello

Qualche anno fa mi sono imbattuto per la prima volta nella Carissa Grandiflora. Ai tempi neanche sapevo come si chiamasse, mi ero lasciato affascinare però dai suoi grandi fiori bianchi simili al gelsomino, ma molto più carnosi e grandi, e dalle sue foglie belle e lucide. Oggi ne ho a quantità nel mio giardino e chiunque venga a farmi visita subisce lo stesso fascino da cui anch’io mi ero fatto corteggiare.

Carissa GrandifloraLa Carissa è un genere di piante sempreverdi della famiglia delle Apocynaceae, diffuso perlopiù nei paesi della zona tropicale e subtropicale dell'Africa, Australia e Cina. Per intenderci è quindi della stessa famiglia delle Plumerie e degli Oleandri. Conosciuta come Carissa Grandiflora, si chiama Carissa Macrocarpa. Io, e qualcun altro, la chiamo “Gelsomino africano” ma di me non fidatevi... non voglio certo stravolgere tassonomia e classificazioni classiche, diciamo che il mio è un modo amichevole -seppure errato- di soprannominare questo bel fiore. A proposito in Sudafrica la specie Carissa macrocarpa è nota come Natal Plum, cioè Prugna del Natal (Il KwaZulu-Natal è una provincia del Sudafrica, con capitale Pietermaritzburg. Si trova nella parte sudorientale del Paese; confina con tre Stati sovrani: Mozambico e Swaziland a nordest, Lesotho a sudovest).

PIANTA DA GUARDIA Sappiamo tutti che “non c’è rosa senza spine”. E infatti la Carissa è sì così bella ma anche piena di terribili aculei che ne fanno una pianta perfettamente adatta ai confini e alle recinzioni. Le sue spine sono dure, fitte, appuntite, robuste e perfino biforcute (un tempo era classificata come Arduina bispinosa) e, infatti in Sudafrica, una sua zona di origine, viene utilizzata per fare siepi davvero impenetrabili, dove perfino piccoli animali non riescono a passare.Vi assicuro però che quando spuntano i primi fiori dall’odore intenso e, talvolta, fruttifica si fa perdonare questa aggressività. Fiori grandi e profumatissimi simili a quelli del gelsomino ma superdotati per dimensioni. Se poi le condizioni sono propizie, produce frutti rossi, a maturazione grandi come ciliegie, dal sapore gradevole e ricco di sfumature, adatti a produrre marmellate e gelatine.

Si chiama Carissa macrocarpa ed è conosciuta come C. grandiflora, io da sempre -per simpatia- lo chiamo Gelsomino africano. Nel suo paese d'origine, in Sudafrica è nota come Natal Plum, cioè Prugna del Natal

QUESTIONE DI NOMI Abbiamo detto quindi Carissa grandiflora (E. H. Mey) Carissa macrocarpa (Ecklon) e Arduina macrocarpa e quest’ultima denominazione, già attribuita da Linneo, fa riferimento a quella volgare in uso in quel tempo. Il genere comprende circa trenta specie, africane ed asiatiche, tra le quali la C. grandiflora è sicuramente la più interessante e la più diffusa. Tra le cultivar di Carissa grandiflora in commercio vi è la Carissa ‘Francy’, cespuglio vivace e molto fiorifero con frutti color arancio, la Carissa ‘Tuttlei’ dal portamento nano, prostrato e fitto di foglie.

I frutti commestibili della Carissa macrocarpaCOME SI CURA Anche se di origine subtrobicale ha un’inaspettata resistenza al freddo e sopporta qualche grado sotto lo zero, purché non sia eccessivamente prolungato. Per questa ragione è adattabile alle zone climatiche miti della nostra penisola, come in Liguria, sulle coste di alcuni laghi lombardi e, naturalmente, al sud dell’Italia. La propagazione avviene per seme o per talea; varietà dal portamento particolare o dal fogliame colorato vanno moltiplicate esclusivamente per talea e, preferibilmente, in primavera inoltrata, utilizzando porzioni di rami semilignificati. Richiede terriccio asciutto e permeabile, moderatamente fertile, composto ad esempio da due parti di terriccio argilloso, una di torba ed una di sabbia. Gradisce leggere concimazioni liquide settimanali durante il periodo della crescita e della fioritura. L’esposizione in pieno sole è la migliore, anche se sopporta situazioni a mezz’ombra. Non necessita di potature se non per armonizzarne la forma ed eliminare rami secchi e non è soggetta a malattie e parassiti (diciamo che la Cocciniglia può darle un po' di fastidio ma non esageratamente).

A parte il frutto, il resto della pianta – come tutte le Apocynaceae - è velenoso. Oltre che come frutto fresco o in macedonie di frutta, in alcuni specie i frutti sono consumati immaturi in salamoia.

Attenzione! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie per alcune delle sue funzionalità
Controlla i nostri Termini di utilizzo e privacy per maggiori informazioni.