Menu

Seguici sui nostri canali social

Facebook Twitter Google+ Instagram
Ultimo quarto

lunedì, 11 dicembre 2017

L’agricoltura? Roba da laureati Sempre più 'dottori' scelgono la terra

L’agricoltura? Roba da laureati

Braccia rubate all’agricoltura si dice ancora di chi, per lo scarso impegno o la poca voglia di studiare, non porta a casa risultati scolastici soddisfacenti. Ebbene, da oggi dimenticate questo detto.

Aumentano i laureati che scelgono di lavorare in agricoltura, con risultati sempre più stimolanti e positivi per il settore. E i “dottori” che decidono di sporcarsi le mani con la terra non sono soltanto coloro che provengono dalla facoltà di Agraria ( che peraltro ha registrato un aumento delle iscrizioni del 40%) o da Biologia. Sempre più giovani scelgono il lavoro dei campi: dagli architetti agli educatori sociali passando per i laureati in economia.

 Secondo uno studio della Cia-Confederazione italiana agricoltori, nel 2013 il 17% dei nuovi imprenditori agricoli ha meno di 30 anni e il 90% di quelli under 30 ha una scolarità medio-alta.

Una boccata di ossigeno, competenze e tanta energia nuova per il settore agricolo. Leve giovani, con la convinzione di avere il mondo in pugno e la capacità di poter cambiare le cose, apportano intuizioni, novità e piccole grandi trasformazioni in una sfera che è alla base della nostra economia, che costituisce il nostro passato e -senz’altro- il nostro futuro.  La chiave di tutto in due parole: tradizione e innovazione. Il rilancio dell’agricoltura passa attraverso la genuinità e la tipicità dei nostri prodotti sostenuto ai giorni nostri dal progresso tecnologico, culturale e mediatico. Pertanto i giovani agricoltori, secondo la Cia, hanno un potenziale economico del 40% superiore rispetto ai colleghi più maturi grazie a una maggiore attitudine al rischio e una propensione all'export che accompagnano a una più elevata sensibilità alle tematiche sociali e ambientali.

Diciotto sono le azioni presentate dal Ministero per le politiche agricole che potranno essere implementate da chi vorrà contribuire scrivendo all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Saranno valutate le proposte arrivate fino al 30 aprile.

Attenzione! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie per alcune delle sue funzionalità
Controlla i nostri Termini di utilizzo e privacy per maggiori informazioni.