Menu

Seguici sui nostri canali social

Facebook Twitter Google+ Instagram
Luna crescente

lunedì, 29 maggio 2017

Finale Ligure, anche il comune è vegan... friendly

Una bella veduta del comune della riviera ligure
Nella foto: Una bella veduta del comune della riviera ligure

Anche i comuni possono essere "Vegan". E il primo in Italia ad aver manifestato questa vocazione è Finale Ligure. Qualche giorno fa, infatti, la Giunta di Finale Ligure ha dato il via al progetto "Vegan Friendly", che prevede, nel territorio di Finale Ligure che i punti di ristorazione (e non solo) che aderiranno all'iniziativa con partecipazione libera e gratuita, forniscano al cliente un piatto o un prodotto Vegan, privo di proteine animali e derivati.

Il progetto Vegan friendlyQuesta necessità progettuale nasce, principalmente, da una forma di rispetto verso tutte le persone che hanno fatto delle scelte alimentari e di vita differenti, dettate da motivi etici o di salute personali. Al progetto potranno aderire anche altre categorie, come librerie, farmacie, supermercati, panetterie e pasticcerie, bar, chioschi, stabilimenti balneari, negozi bio, profumerie, enoteche, hotel e bed&breakfast, che saranno contraddistinti dal logo Vegan Friendly. Questa necessità progettuale nasce principalmente da una presa di coscienza di quanto le abitudini alimentari stiano attraversando una fase di mutazione sempre crescente e dell’importanza che assume il ruolo della società.

Oggi la popolazione dei Vegani e dei Vegetariani in Italia ha raggiunto la considerevole cifra di 4.325.000 persone (secondo la percentuale riportata dalle statistiche ufficiali Eurispes del 7,1% sulla popolazione totale), numeri in forte aumento ogni anno, passati in poco tempo da poche centinaia di migliaia a milioni di individui. Il progetto nasce anche nell'ottica che si possa espandere viralmente in tutti i Comuni italiani e non solo, e che possa diventare in breve tempo un'iniziativa di respiro internazionale.

Il progetto, nato da un'idea di Michela Bardini, è stato proposto dall'Associazione Le Tre Terre-Costa Balenae, da sempre attenta alla salvaguardia del territorio e al benessere dei visitatori interessati a questo angolo di paradiso. Art Director Claudio Dell'Olio. Il marchio potrà essere utilizzato liberamente ma non a scopo di lucro.

Chi volesse tenersi aggiornato sull'iniziativa o i titolari di attività che volessero aderire al progetto possono cosultare la pagina pubblica su Fb del progetto

 

 

Redazione

Direttore responsabile: Junio Tumbarello
Webmaster: Giuseppe Scopelliti
Collaboratori: Paola Camerata, Giulia Capotondi, Dario La Rosa, Anna Lo Porto, Giulia Lambrosio.

Attenzione! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie per alcune delle sue funzionalità
Controlla i nostri Termini di utilizzo e privacy per maggiori informazioni.