Menu

Seguici sui nostri canali social

Facebook Twitter Google+ Instagram
Luna crescente

venerdì, 24 novembre 2017

Bacche di Goji, elisir di lunga vita Per quanto non ci sia ancora la certezza della scienza, da millenni sono utiizzate nella medicina cinese

Alcune bacche di Goji, varietà Xing Dai
Nella foto: Alcune bacche di Goji, varietà Xing Dai

Il loro nome fa sì che siano considerate le bacche per eccellenza, Goji – infatti – vuol dire bacche in cinese. Potenti, buone, dal sapore che oscilla tra il dolce e l’acidulo, sono ormai in tanti a farne uso.

È già un po’ di tempo che si parla sempre più spesso delle proprietà benefiche, in particolare antiossidanti, di questo arbusto della stessa famiglia di patate, peperoni, melanzane e pomodori. Ve ne sono di due specie: il Lycium barbarum e il Lycium chinense, entrambe della famiglia delle Solanaceae.

Questi frutti, chiamati anche “della longevità”, rappresentano un concentrato assoluto delle caratteristiche del suolo su cui crescono e sono ricchissimi di sostanze nutrienti quali vitamine C ed E, che proteggono dai radicali liberi e dallo stress ossidativo, e minerali, in particolare rame, ferro, fosforo e manganese - che aiutano a regolare il metabolismo energetico -, potassio e magnesio – che aumentano la resistenza muscolare – e zinco e cromo, che offrono un valido supporto nelle diete ipocaloriche.

Le bacche di Goji sono in verità conosciute e apprezzate per le loro proprietà in Oriente da millenni. Sono originarie dell’Himalaya, Nepal e Mongolia e la varietà migliore e più apprezzata nel mondo è la Xing Dai, coltivata in una zona ad alti sbalzi termici, su terreni incontaminati, artigianalmente, senza alcun ausilio di macchinari; tutto questo fa sì che le bacche di Goji siano ricche di proprietà benefiche ed inalterate.

La bacca di Goji si può consumare fresca, appena raccolta. Oggi le bacche di goji sono presenti anche nel mercato occidentale, soprattutto in Gran Bretagna, Australia e Stati Uniti, essiccate o in concentrato miscelato con altri prodotti quali succhi di frutta, yogurt, tè, merendine, barrette, marmellate. Il loro sapore è paragonabile a quello del mirtillo, uva passa, lampone e fragola. Una dose media è rappresentata da circa 20 grammi giornalieri. Attualmente, nel mercato occidentale questi frutti sono venduti principalmente come bacche essiccate (o polvere delle stesse) o succhi concentrati. In particolare il succo di Goji consente di usufruire al meglio delle proprietà immunostimolanti e si può consumare puro o diluito con acqua minerale naturale, mentre la polvere di Goji essiccata si ottiene dalla macinazione delle bacche e può essere assunta con mezzo bicchiere d'acqua minerale naturale. Ormai reperirle è abbastanza facile, si possono acquistare in Rete, oppure nelle erboristerie, ma anche nei supermercati NaturaSì.

Giulia Lambrosio

Coltivatrice diretta

Non fraintendetemi... ma adoro le zucchine. Sono versatili e possono essere utilizzate per tutto (creme, fritture, impacchi, etc..). Molto probabilmente galeotto fu mio nonno che sei anni fa mi ha iniziato al mondo dell'orto e affini.

Oggi mi dedico alla scrittura, alle conserve fatte in casa e con la mia dolce metà forniamo cibo bio a pochi selezionati clienti. Parlare e scrivere di natura sono diventati due miei vizi a cui non sò più rinunciare.

Tengo concerti di kazoo in giro per i boschi e non sapete che successo tra gli elfi.

Attenzione! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie per alcune delle sue funzionalità
Controlla i nostri Termini di utilizzo e privacy per maggiori informazioni.