Menu

Seguici sui nostri canali social

Facebook Twitter Google+ Instagram
Luna crescente

mercoledì, 22 novembre 2017

Piccoli segreti per abbellire gli odiati vasi di plastica Trucchi per migliorare il loro aspetto

Alcuni vasi resi simpatici dalla colorata finitura
Nella foto: Alcuni vasi resi simpatici dalla colorata finitura Crediti: vivaitaliani.it

Plastica o terracotta... questo è il dilemma. A dire il vero il problema non esiste perchè, non c'è dubbio, i vasi di terracotta sono tutta un'altra cosa. Sono belli, sembrano avere un'anima (specie quelli di cotto fiorentino). Chi scrive esagera, essendo un patologico amante del verde. Ma i vasi in terracotta sono, per una buona fetta di gardenauti, i più belli. Certo anche quelli di plastica hanno i loro vantaggi. Vediamo come poter dare il meglio alle nostre piante in entrambe le alternative.

Alcuni esemplari di contenitori per vasiLe caratteristiche più importanti di quelli di terracotta è che sono porosi e permettono all’acqua in eccesso di evaporare attraverso le loro pareti. Ma non solo. Sono anche permeabili all’aria (le radici della pianta respirano meglio) e in ultimo, questi vasi sono un ottimo isolante dal freddo. 

Non possiamo però citare solo i pro. I vasi in terracotta, infatti, rispetto al vaso in plastica, sono più pesanti, costano di più e rischiano di rompersi in caso di forti gelate. I vasi in plastica, esteticamente meno belli (anzi diciamoci la verità sono proprio brutti n.d.A.) di quelli in terracotta, hanno però il vantaggio di essere più leggeri e maneggevoli e di avere un costo più ridotto. 
Sono molto più leggeri e, se si dispone di un balcone o di una terrazza, questa peculiarità li fa preferire ai vasi di terracotta perché il peso eccessivo può essere un problema serio rispetto alla resistenza della struttura. Senza contare che alzare, sistemare, rinvasare sono tutte operazioni più comode.
Certo, i vasi in resina sono solitamente più gradevoli d'aspetto, ma costano anche tre o quattro volte di più. Insomma, nonostante siano brutti da morire, alla fine tutti - più o meno - cediamo alla tentazione del prezzo abbordabile.

Come fare per migliorare il loro aspetto ed odiarli un po' di meno? Ci vuole una mano di vernice. Ma non basta da sola. Detto così sembra facile, se avete già provatousando le bombolette spray ed anche un più ecologico smalto ad acqua, vi sarete accorti che non  funziona. Dopo qualche tempo la vernice comincia a sgretolarsi e tutto il lavoro fatto si vanifica. Il primo passo da fare è di passare una prima mano di "aggrappante", detta anche "cementite". Questo passaggio permette di far aderire meglio lo smalto e permette anche di ridurne il numero di strati da stendere perché copre subito il colore del vaso simil-terracotta.Altro passaggio che non va trascurato è quello di ricoprire con uno smalto trasparente lo strato di smalto per proteggerlo da eventuali urti, ma anche dagli agenti atmosferici.

Junio Tumbarello

Direttore responsabile

La chiave della felicità risiede in un giardino. Con Vivaitaliani sto cercando di conciliare la mia esperienza nel campo della Rete e dei contenuti con la mia passione per la Terra. "Un uomo, d'altronde, ha bisogno di aria, di mare, di vento e di sole" mi ha detto un tizio conosciuto sul Cammino di Santiago che prima lavorava triste tra le quattro mura di un ufficio e ora è il guardia-parco più felice di Spagna. Mi piacerebbe seguire il suo esempio, d'altronde sono un giornalista professionista che ha sempre voluto fare il giardiniere. Ogni giorno mi dedico al mio orto biologico, ad un piccolo pollaio, ai miei due fedeli labrador, Puck e Othello, e a cinque fantagatti nella regal contea di Fantabosco.

Sito web: about.me/miocarobru

Attenzione! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie per alcune delle sue funzionalità
Controlla i nostri Termini di utilizzo e privacy per maggiori informazioni.